pubblicità online

Le forme di pubblicità più comuni

La Pubblicità Online, al giorno d’oggi, è una delle principali forme di reclamizzazione a cui fanno ricorso le imprese di qualunque dimensione e influenza territoriale (locale, nazionale e internazionale).

Oramai internet è alla portata di tutti e dare visibilità alla propria realtà aziendale in rete è diventata una tappa obbligatoria per acquisire e fidelizzare la propria clientela.
Molte imprese, quando impostano una campagna di marketing, optano per la Pubblicità online ma investono allo stesso tempo anche in Pubblicità tradizionale.

Quest’ultima, altro non è che una forma di pubblicità che si avvale dell’utilizzo di altri mezzi di comunicazione di massa diversi da un sito web o da un social network e che usa altri canali di trasmissione del messaggio pubblicitario che non coincidono con la rete (Tv, radio, giornali, riviste, cataloghi, volantini cartacei, cartelloni pubblicitari stradali, eccetera).

C’è da chiedersi quale delle due forme di pubblicità sia meglio privilegiare per acquisire nuova clientela e quali siano le differenze che contraddistinguono l’una dall’altra.  Investire in marketing è un’operazione importante e dispendiosa di risorse economiche sia nella fase dello start-up di un’azienda, sia in quella di consolidamento della propria posizione sul mercato, al fine di rispondere nel migliore dei modi all’agguerrita concorrenza esercitata dagli altri competitor.

Pertanto, prima di affrontare un investimento importante di questo tipo, risulta fondamentale mettere sui piatti della bilancia i pro e i contro che caratterizzano una determinata strategia di marketing, sia che si basi sulla Pubblicità Online che su quella che si avvale dei mezzi tradizionali di cui abbiamo detto prima.

La Pubblicità Tradizionale: costi e benefici

La Pubblicità Tradizionale è una forma di reclamizzazione consolidata che, oramai, da qualche secolo, subendo delle continue evoluzioni nel tempo, caratterizza le politiche di marketing condotte dai brand.

Ma quali sono i fattori che rendono conveniente il ricorso a questo tipo di Pubblicità? Ne abbiamo individuato uno che riteniamo sia fondamentale:

  • usando gli strumenti che caratterizzano la Pubblicità Tradizionale si instaura un rapporto di fiducia quasi immediato con il destinatario del messaggio pubblicitario. Se l’attività di promozione viene svolta, per esempio, in canali televisivi o in radio di rilievo nazionale, aumenta la credibilità del brand nella mente delle masse, di ciò che offre e della sua qualità.

Il ragionamento che fa il consumatore medio, di solito, può essere presentato più o meno in questi termini: nessun operatore commerciale è disposto a spendere migliaia di euro per far apparire in tv il proprio marchio, se poi non riesce a coprire finanziariamente l’investimento con la vendita di ciò che intende far conoscere attraverso la pubblicità.

Quindi, il prodotto pubblicizzato deve necessariamente garantire degli standard di qualità apprezzabili. In caso contrario, sarebbe un’operazione alquanto antieconomica.

E quali sono, invece, gli aspetti meno convenienti della Pubblicità Tradizionale che inducono gli operatori a ricorrere al Digital Marketing?

Ne esistono diversi:

  • La Pubblicità Tradizionale non offre degli indicatori immediati sull’andamento della campagna pubblicitaria. Chi gestisce questa forma di marketing non sa se e quando intervenire per apportare delle correzioni. Quando un determinato annuncio viene stampato su carta e mandato in distribuzione, per esempio, non è possibile intervenire subito per cambiare il messaggio pubblicitario. Per farlo, è necessario acquistare un altro spazio.
  • La Pubblicità Tradizionale ha un costo fisso che non varia durante lo svolgimento dell’attività di marketing. Se un giornale viene venduto meno in un determinato periodo rispetto ad un altro, e si ha la sfortuna di acquistare un spazio pubblicitario proprio in quell’intervallo di tempo, si acquista un servizio a costo fisso che dà meno visibilità al proprio brand di quanto ci si aspetti. E la cosa peggiore è che quel costo fisso non può essere modulato.
  • La Pubblicità Tradizionale dura tanto quanto dura la visibilità del supporto cartaceo. Purtroppo, la sua durata non è molto estesa nel tempo, basti pensare ad un volantino, ad un quotidiano, settimanale o mensile. Nella migliore delle ipotesi lo spazio pubblicitario avrà una visibilità garantita per uno, massimo due mesi.
  • Il rischio di scegliere male gli operatori di marketing quando si dispone di un budget non ampio. Per la distribuzione del materiale pubblicitario ci si affida ad un’agenzia di pubblicità che quasi sempre ingaggia ragazzi alle prime esperienze per l’attività di volantinaggio, mal pagati per svolgere un lavoro piuttosto faticoso.

Il rischio che si corre è quello di non ottenere dei risultati ottimali in termini di visibilità che poi, tra l’altro, non possono essere neanche visualizzati e messi a confronto facendo delle statistiche che ne evidenzino le eventuali evoluzioni o involuzioni. Nessuno saprà mai se i volantini siano andati effettivamente in distribuzione. E questo non può permetterselo un’azienda che ha bisogno di certezze e di indicatori utili per impostare una seria politica di marketing.

La Pubblicità Online: i fattori della sua convenienza

Adesso analizziamo i fattori che rendono conveniente sotto ogni punto di vista il ricorso alla Pubblicità Online:

  • La misurazione del rendimento di una strategia di Web Marketing. Forse questo è l’aspetto più importante che rende netto il divario con la Pubblicità Tradizionale. Se, per esempio, un operatore commerciale decide di investire 300€ al mese per un’attività di marketing Pay per Click (cioè la pubblicità si paga solo se il proprio sito viene cliccato e visitato), fin dal primo momento ha delle informazioni dettagliate sull’andamento della campagna pubblicitaria e sui ritorni a fronte degli investimenti realizzati.
  • Il brand paga la Pubblicità Online solamente per visita ricevuta dall’utente o per click. Tutto è direttamente proporzionale alla capacità di saper attrarre visitatori: più visite ricevo, più pago.
  • L’utente che visita il sito di un’azienda che ricorre alla Pubblicità Online è potenzialmente interessato al bene o servizio che offre, visto che la ricerca su Google viene eseguita per parola chiave.
  • Grazie all’utilizzo delle statistiche del sito aziendale e ai dati che vengono fornite dalle agenzie web, inoltre, è possibile apportare delle correzioni in corso alla campagna pubblicitaria impostata, in ogni momento, al fine di migliorare gli aspetti che si ritengono più carenti. Inoltre, si può decidere su quali annunci investire di più ed eliminare quelli che hanno generato risultati poco soddisfacenti.
  • I testi dei messaggi pubblicitari sul web si possono cambiare in ogni momento, così come le immagini. La strategia di web marketing può essere reimpostata o stravolta del tutto e senza dover sostenere costi enormi.
  • Ogni giorno, quando si fa Pubblicità Online, si può anche decidere di cambiare il budget, facendo una valutazione del periodo dell’anno e dei risultati prodotti dagli annunci. L’operatore commerciale, così, ha la possibilità di gestire il proprio investimento sulla base dei guadagni che sta conseguendo.
  • Quando si fa Pubblicità Online, per concludere, non vi sono particolari vincoli temporali. Si può decidere in qualunque momento di bloccare la campagna di web marketing per poi ripristinarla, al momento opportuno, con un solo click.

Affidati a dei seri professionisti per la tua Pubblicità Online!

Chi smette di fare pubblicità per risparmiare soldi è come se fermasse l’orologio per risparmiare il tempo. (cit. di Henry Ford)

LIBRO CONSIGLIATO PER APPROFONDIRE IL TEMA DEL WEB MARKETING

Web marketing per le PMI

Amazon - Banner

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.